PESCI ACQUE MARINE

Engraulis encrasicolus

nome scientifico

Engraulis encrasicolus

nome comune

Acciuga

autore

Linnaeus, 1758

nome dialettale

Sardon

descrizione

Corpo affusolato, leggermente compresso con profili dorsale e ventrale quasi rettilinei. Capo grande con muso appuntito; bocca molto grande, situata in posizione infera, incisa fin quasi all’opercolo e munita di una serie di piccolissimi denti molto aguzzi sulla mandibola; denti sono pure presenti su vomere e palatino; mascella superiore prominente; occhio grande di forma circolare. Presenza di un’unica pinna dorsale, corta, situata circa a metà del corpo. Pinna anale lunga all’incirca come la dorsale e situata in prossimità del peduncolo caudale. Pinne pettorali mediamente sviluppate inserite in posizione quasi ventrale. Pinne ventrali poco sviluppate, inserite quasi alla stessa altezza della dorsale. Pinna caudale omocerca, mediamente incisa.

taglia

20 cm; 15 g

colorazione

Azzurro-verdastra sul dorso; argentata su fianchi e ventre. Iride argentato.

distribuzione geografica

Presente nel bacino del Mediterraneo dallo stretto di Gibilterra fino all’Italia e nel Mar Egeo settentrionale, nel Mar Nero, nell’oceano Atlantico dalla Norvegia fino al Sud Africa, nell’oceano Indiano sulle coste di Somalia, Mauritius e Seychelles. Segnalata anche nel canale di Suez .

ecologia

Specie migratrice gregaria ed eurialina, vive su fondali rocciosi, sabbiosi e fangosi spogli e vegetati generalmente tra 2 e 50 metri, spingendosi, in concomitanza con il raffreddamento invernale delle acque superficiali anche fino ai 250 metri di profondità. Con l’avvicinarsi della primavera ed il conseguente innalzamento della temperatura dell’acqua si spinge sottocosta e penetra lagune ed estuari, dimostrando un buon adattamento a condizioni di salinità molto diverse da quelle marine ed a temperature abbastanza elevate. Verso la fine dell’estate con l’avvento dei primi freddi autunnali la specie guadagna nuovamente il mare aperto. Periodo riproduttivo: Aprile-Novembre. Sistema di accoppiamento: poliginandrico. Specie gonocorica; batch spawner. Specie planctivora e, stagionalmente, ittiofaga, si nutre in massima parte di crostacei, di stadi larvali di altri pesci e, nel periodo invernale, di piccoli pesci bentonici.

valore commerciale

Di elevato interesse economico, è regolarmente presente sui mercati italiani dove viene commercializzata fresco, congelato, sott’olio o sotto sale.