PESCI ACQUE MARINE

Alosa fallax

nome scientifico

Alosa fallax

nome comune

Cheppia

autore

Lacépède, 1803

nome dialettale

Ceppa

descrizione

Corpo molto compresso con profilo dorsale quasi rettilineo e ventrale incurvato. Capo grande con muso appuntito; bocca grande, situata in posizione mediana, incisa obliquamente verso l’alto e munita di una serie di piccolissimi denti molto aguzzi su entrambe le mascelle; occhio grande di forma circolare ricoperto per buona parte da una membrana adiposa. Presenza di un’unica pinna dorsale, corta, situata circa a metà del corpo. Pinna anale lunga all’incirca come la dorsale e situata in prossimità del peduncolo caudale. Pinne pettorali poco sviluppate inserite in posizione quasi ventrale. Pinne ventrali poco sviluppate, inserite quasi alla stessa altezza della dorsale. Pinna caudale omocerca, piuttosto incisa.

taglia

60 cm; 1,5 kg

colorazione

Bluastra con riflessi metallici sul dorso; argentata-biancastra su fianchi e ventre. Presenza di una macchia nera posta dietro all’opercolo seguita da 5-7 macchie più piccole brunastre di grandezza decrescente.

distribuzione geografica

Presente nel bacino del Mediterraneo dallo stretto di Gibilterra fino all’Italia e nel Mar Egeo settentrionale, nel Mar Nero e nell’oceano Atlantico dall’Islanda fino al Senegal. Segnalato anche nel Mar Baltico.

ecologia

Specie anadroma generalmente solitaria e spiccatamente eurialina ed euriterma, vive su fondali sabbiosi e fangosi spogli e vegetati comunemente tra i 2 ed 50 metri, spingendosi, in concomitanza con il raffreddamento invernale delle acque superficiali anche fino ai 250 metri di profondità. Al momento della riproduzione diventa gregaria e penetra lagune ed estuari alla ricerca di acque limpide ed ossigenate ove deporre le uova. Gli avannotti sosteranno in queste acque di transizione fino al raggiungimento della taglia di 5-6 cm per poi fare ritorno al mare. Periodo riproduttivo: Marzo-Luglio. Specie gonocorica; batch spawner. Specie planctivora ed ittiofaga, si nutre in massima parte di crostacei, di stadi larvali di altri pesci e di esemplari adulti di alborelle e latterini.

valore commerciale

Di scarso interesse economico, dato l’elevato numero di lische, è solo localmente presente sui mercati italiani dove viene commercializzata fresca.

annotazioni

Specie presente nell´allegato II della direttiva 92/43/CEE Habitat.