PESCI ACQUE MARINE

Knipowitschia panizzae

nome scientifico

Knipowitschia panizzae

nome comune

Ghiozzetto lagunare

autore

Verga, 1841

nome dialettale

Marsion (nome comune a tutti i piccoli gobidi)

descrizione

Corpo affusolato, quasi cilindrico nella metà anteriore e compresso nella metà posteriore con profili dorsale e ventrale leggermente incurvati quasi simmetrici. Capo piccolo con muso arrotondato; bocca piccola, situata in posizione mediana, incisa obliquamente verso l’alto e munita di piccoli denti conici disposti su più file; mandibola leggermente prominente; occhio piccolo di forma circolare. Presenza di due pinne dorsali: la prima si inserisce quasi alla stessa altezza delle pinne pettorali; la seconda, più grande, si sviluppa poco dietro la prima e non raggiunge il peduncolo caudale. Pinna anale lunga circa quanto la dorsale e situata in posizione quasi simmetrica rispetto a questa. Pinne pettorali mediamente sviluppate. Pinne ventrali inserite alla stessa altezza di quelle pettorali fuse a formare una sorta di disco basale grazie al quale il pesce è in grado di aderire al substrato. Pinna caudale omocerca, arrotondata.

taglia

4,5 cm; 1,5 g

colorazione

Brunastro su dorso e fianchi; biancastro sul ventre. Presenza di 5 evidenti macchie più scure a forma romboidale sul dorso e di venature scure più sfumate ed irregolari nelle femmine, più marcate a formare delle vere e proprie bande nei maschi, lungo i fianchi. Presenza di una banda brunastra in regione preorbitale, particolarmente evidente nelle femmine, che si estende fino alla bocca, e di una macchia scura molto marcata sul peduncolo caudale.
Durante il periodo riproduttivo nelle femmine il ventre assume una colorazione giallo intensa, data dalla maturazione delle gonadi; appare nettamente evidente una macchia nera sotto il mento. I maschi assumono una colorazione di fondo più scura, soprattutto sul capo e sulle pinne; le bande sui fianchi diventano più marcate; sulla prima pinna dorsale compaiono tre fasce trasversali più scure ed una macchia ocellare di colorazione blu-nera tra il 5° ed 6° raggio.

distribuzione geografica

Specie abbondante nella laguna di Venezia, presso le foci dei grandi fiumi veneti e friulani e nei laghi costieri di Ganzirri e Faro (Messina). E’ segnalata nel lago Trasimeno, dove è stata introdotta accidentalmente, nel lago di Lesina, nel golfo di Taranto ed in qualche laguna sarda. Al di fuori del territorio italiano è presente in Albania, nell’ex Jugoslavia ed in Grecia nel delta del fiume Evinos .

ecologia

Specie territoriale spiccatamente eurialina, vive su fondali sabbiosi e fangosi vegetati fino ai 2 metri di profondità in lagune ed estuari, prediligendo salinità non elevate (2-25 PSU),anche se la specie può essere rinvenuta in prossimità di aree mainizzate. Periodo riproduttivo: Marzo-Luglio. Specie gonocorica repeated-spawner. Presenza di tattiche riproduttive alternative maschili (sneaker). Cure parentali paterne. Produzione di suoni durante il corteggiamento e le interazioni aggressive. Costruzione del nido riproduttivo da parte del maschio. Specie macrobentivora, si nutre in massima parte di piccoli crostacei ed anellidi.

valore commerciale

Nullo

annotazioni

Specie presente nell'allegato II della direttiva 92/43/CEE Habitat.

Suono di K. panizzae

Scarica e ascolta il file audio