PESCI ACQUE MARINE

Symphodus rostratus

nome scientifico

Symphodus rostratus

nome comune

Tordo musolungo

autore

Bloch, 1797

nome dialettale

Papagal, tenca de mar, donzea

descrizione

Corpo affusolato, compresso con profilo dorsale concavo sul muso, quindi leggermente arcuato e ventrale quasi rettilineo. Capo grande con muso molto appuntito; bocca piccola, situata in posizione mediana, leggermente protrattile e munita di denti conici, appuntiti, disposti su un’unica fila su entrambe le mascelle; mandibola leggermente prominente; occhio grande di forma circolare. Presenza di un'unica pinna dorsale che decorre dall’inserzione delle pinne pettorali fino al peduncolo caudale. Pinna anale lunga circa 1/3 di quella dorsale, situata in prossimità del peduncolo caudale. Pinne pettorali mediamente sviluppate. Pinne ventrali mediamente sviluppate, inserite poco dietro quelle pettorali. Pinna caudale omocerca, troncata.

taglia

13 cm; 50 g

colorazione

Assai varia, anche in funzione dell’habitat della stagione e di stimoli esterni, ma non dal sesso. Esistono tre colorazioni principali: verde smeraldo su dorso, fianchi e ventre; verdastra a macchie nere e brune su dorso fianchi e ventre e rosso-brunastra a puntini rossi brillanti su dorso fianchi e ventre. In quest’ultima livrea sono presenti sui fianchi due linee longitudinali scure ed una bianca che decorrono dal muso fino al peduncolo caudale. Generalmente la colorazione verde brillante è propria di esemplari giovani che vivono nelle praterie di fanerogame marine. Le femmine durante il periodo riproduttivo presentano la papilla uro-genitale nera. Iride rossastra o dorata.

distribuzione geografica

Presente in tutto il bacino del Mediterraneo e nel mar Nero occidentale.

ecologia

Specie marina territoriale, vive su fondali rocciosi vegetati generalmente tra 3 e 20 metri di profondità, potendo tuttavia spingersi anche su batimetriche prossime ai 30 metri. Raramente penetra lagune ed estuari, mantenendosi tuttavia in zone con salinità simile a quella marina. Durante il periodo riproduttivo il maschio costruisce un nido a forma di semicerchio utilizzando alghe finemente sminuzzate saldandole con sabbia o pietrisco tritato. Cure parentali paterne. Periodo riproduttivo: Aprile-Giugno. Specie probabilmente ermafrodita proteroginica; batch spawner. Specie macrobentivora, si nutre in massima parte di crostacei, molluschi ed anellidi.

valore commerciale

Nullo

annotazioni

Il nomi dialettali papagal e donzea sono comuni a tutti i labridi