Atherina boyeri

Carta d'Identità

Nome scientifico: Atherina boyeri Risso, 1810
Nome comune: Latterino capoccione

Distribuzione geografica Powered by aquamaps.org

Sistematica:
Phylum
 Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine
Atheriniformes
Famiglia
Atherinidae
Sottofamiglia
Atherininae
Genere
Atherina
Specie
A. boyeri

Galleria

Riconoscimento

Corpo affusolato, leggermente depresso sul capo e compresso nella metà posteriore con profilo dorsale quasi rettilineo e ventrale incurvato. Capo piccolo con muso arrotondato; bocca grande, situata in posizione mediana, incisa obliquamente verso l’alto, protrattile e munita di piccoli denti appuntiti su entrambe le mascelle; denti sono pure presenti sul vomere e sul palatino; occhio grande di forma circolare. Presenza di due pinne dorsali: la prima si inserisce quasi a metà del corpo; la seconda, più grande, si sviluppa in prossimità del peduncolo caudale. Pinna anale lunga quanto la seconda dorsale e situata in posizione quasi simmetrica rispetto a questa. Pinne pettorali poco sviluppate. Pinne ventrali poco sviluppate, inserite alla stessa altezza del margine posteriore delle pinne pettorali. Pinna caudale omocerca, piuttosto incisa.

Taglia massima 13 cm; 10 g

Colorazione grigio – verdastra dorsalmente con punteggiatura nerastra, biancastra sul ventre; presenza di una fascia longitudinale argentea sui fianchi che può risultare accompagnata da una o, più raramente, due linee di puntini neri.

Ecologia

Specie gregaria fortemente eurialina, vive su fondali rocciosi, sabbiosi, fangosi e detritici spogli e vegetati generalmente fino a 3 metri di profondità, potendo tuttavia raggiungere batimetriche prossime ai 10 metri. E’ presente sia in acque salmastre che dolci (è segnalata anche in alcuni laghi dell’Italia centro – meridionale ed insulare).

Periodo riproduttivo: Aprile – Luglio. Specie gonocorica batch spawner. Le uova, bentoniche, sono provviste di filamenti con cui vengono attaccate ad alghe e piante del fondo.

Si nutre sia di zooplancton nella colonna d’acqua, che di fauna bentonica in prossimità del fondo o tra la vegetazione acquatica. Gli individui di minori dimensioni predano soprattutto piccoli crostacei planctonici; all’aumentare delle dimensioni, aumenta l’importanza del benthos nella dieta.

Interesse commerciale e tutela

Elevato interesse commerciale.
Di buon interesse economico è presente regolarmente sui mercati italiani dove viene commercializzata fresca, congelata o marinata.

Nessuna forma di tutela.

A proposito di...

Nel Veneziano i nomi dialettali sono anguela, acquadela, stadarioea (giovanile).


A questo link puoi trovare tante ricette da preparare con i prodotti delle nostre coste.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi